Bioedilizia, la casa naturale risparmia energia

bioedilizia.png

Grazie alla Bioedilizia si fa sempre più strada l’utilizzo di materiali naturali per la costruzione delle abitazioni. I materiali utilizzati dalla bioedilizia sono tutti naturali, con largo uso del legno, e permettono  di risparmiare energia e contenere i costi. Il tetto, le pareti, il pavimento della nostra abitazione devono essere isolati termicamente mentre esistono svariti modi che permettono di recuperare e rigenerare risorse naturali altrimenti disperse. Ad esempio, non tutti sanno che è possibile raccogliere l’acqua piovana per poi reimpiegarla per l’irrigazione del giardino, il lavaggio dell’auto ed altro ancora, senza dover sprecare la preziosa acqua potabile. La bioediliza inoltre permette di abbandore l’uso, fin quì spopositato di isolanti chimici, grazie all’uso di sostanze totalmente naturali quali. I principali isolanti naturali usati nella bioedilizia:

 

Fibra di legno
Legno con lignina, senza colle, traspirante, antistatico, prodotto con scarti di legno macinati. (Lambda=0,047 w/mk)     

Sughero
Impermeabile all’acqua, elastico, traspirante, immarcescibile
(Lambda=0,036 w/mk)   

Cocco
Resistente, traspirante, non teme l’umidità, in rotoli o lastre. (Lambda=0,045 w/mk)   

Canapa
Fibra naturale vegetale, igroscopica, traspirante, anallergica, in feltri o pannelli.
(Lambda=0,050 w/mk)   

Lino
Isolante termoacustico, compattato meccanicamente, trattato con sali di boro antitarme. (Lambda=0,050 w/mk)

Lana
Ottimo isolante termo-acustico, elevata salubrità, traspirante. (Lambda=0,033 w/mk)   

Fibra di cellulosa
In fiocchi, derivata da carta riciclata, da insufflare, traspirante, inattaccabile dagli insetti. (Lambda=0,032 w/mk)   

Cannucciato
Ottimo isolante termico, non assorbe acqua immarcescibile, non provoca crepe nell’intonaco. (Lambda=0,036 w/mk)  

Perlite
Di origine vulcanica, caratterizzata da pori di piccola dimensione, usata anche per massetti. (Lambda=0,050 w/mk)

Bioedilizia, la casa naturale risparmia energiaultima modifica: 2010-10-11T23:50:01+02:00da greeneconomy
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento